mercoledì , 13 dicembre 2017
Home » news » I lieviti in crema riconosciuti dall’OIV

I lieviti in crema riconosciuti dall’OIV

Il progetto di Bioenologia 2.0 diventa realtà.

La recente approvazione da parte dell’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino (v. risoluzioni OIV-ENO 576A-2017 e 576B-2017) descrive le forme con cui i lieviti Saccharomyces e non Saccharomyces possono essere utilizzati in cantina.

Un chiarimento necessario su un argomento che lasciava adito a equivoci e malintesi. Non ci sono più dubbi: i lieviti freschi, tra cui i lieviti in crema, hanno una dignità propria e riconosciuta a livello europeo. Un traguardo che avvalora l’impegno di chi ha puntato su un progetto ardito e un prodotto rivoluzionario. “I nostri progetti di selezione dei lieviti autoctoni/aziendali – spiega Chiara Beraldo, amministratore unico di Bioenologia 2.0 – potranno trarre vantaggio dal recente pronunciamento dell’Organizzazione Internazionale perché viene di fatto riconosciuta la possibilità di riprodurre sia i lieviti Saccharomyces che i non Saccharomyces in forma fresca superando le problematiche legate al processo di essiccazione. Per il settore enologico si tratta di una rivoluzione epocale”.

Tutto sull’azienda

Check Also

“US Landscapes 2017”

Il nuovo report di Wine Intelligence che analizza le abitudini di consumo del mercato statunitense …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *